Comunicati Stampa

Albertini vuol festeggiare a Como il titolo già conquistato in Friuli.
Una muta di inseguitori gli sbarrano la strada: duelli d’alta tensione.
Ecco come sono andate le gare del Campionato Italiano WRC 2017.

COMO, 19 ottobre 2017 –  Dall’Isola d’Elba a San Martino di Castrozza: si è rivelata entusiasmante e densa di contenuti tecnici ed agonistici la serie Rally tricolore WRC 2017 sotto l’egida della federazione AciSport. Dalla Toscana al Trentino, passando per Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, per concludere le battaglie del Campionato Italiano Wrc 2017 in riva al Lago di Como. Ma vediamo insieme, passo passo, come sono andate le cinque gare del Tricolore World Rally Car che precedono il 36.  Rally Trofeo Aci Como.

I duelli prendono il via dall’Isola d’Elba. Su 77 equipaggi, Stefano Albertini e Danilo Fappani, su Ford Fiesta Wrc, dominano dal primo all’ultimo chilometro. I due bresciani sono stati inseguiti dal bustese Simone Miele (Citroen DS3), mentre terzo è Corrado Fontana, su Hyundai I20 seguito da un altro comasco, Paolo Porro, Ford Focus. Dietro ai primi quattro si piazza il veneto Marco Signor, Fiesta Wrc. Nel Suzuki Rally Cup la vittoria elbana all’emiliano Simone Rivia davanti al piacentino Giorgio Cogni.

Il circus WRC si trasferisce al 1000 Miglia (104 partenti) e sul palco di Salò è ancora Albertini a svettare dopo un bel duello con Alex Perico, non iscritto al campionato. Ottimi i piazzamenti di Corrado Fontana e Simone Miele; problemi di assetto per Porro, mentre inopinabile ritiro per Signor dopo una toccata. Applausi e ritmo sempre più alto per il molisano Testa e per il bresciano “Pedro”, mentre nel Suzuki Rally Cup bottino pieno per Simone Rivia.

A fine giugno, con un meteo infuocato di 35-40°C, le spade dei contendenti al Tricolore WRC si incrociano sugli asfalti trevigiani del rally della Marca con 87 partenti. E per il leader della serie, Albertini, non è una formalità la vittoria, tutt’altro. Suda sette camicie contro il trevigiano Signor con un testa-a-testa entusiasmante. Il bresciano termina con 11”8 sul locale, con Corrado Fontana su Hyndai i20 che precede Paolo Porro, complice una foratura che appieda quest’ultimo e la sua Focus. Giuseppe Testa e Stefano Bizzocchi terminano ai piedi del podio, mentre nel Trofeo Suzuki vittoria di Giorgio Cogni che precede Simone Rivia e Corrado Peloso.

A fine agosto è il Friuli ad ospitare il circus WRC con 97 equipaggi al via, racchiusi nelle numerose classi. Martellante e senza tregua per i rivali è il dominio di Albertini anche tra Udine e Cividale, dove conquista il titolo 2017: hanno cercato di opporsi a lui driver di primo piano del calibro di Alex Perico (noie idroguida) e Luca Rossetti (guai elettrici). E i rivali più accreditati sono stati ancora una volta Signor e Fontana, oltre a Miele, Testa e Bosca. Qui è ancora Cogni a svettare tra le Suzuki, stavolta precedendo Peloso e Rivia. Il monomarca Suzuki è avvincente, con le due ultime gare decisive, tra S.Martino e Como.

Il prestigioso rally San Martino di Castrozza scatta con 83 equipaggi. E il colpo di scena riguarda il neo campione Albertini che, alla penultima prova speciale, compie un errore di guida e permette a Marco Signor di aggiudicarsi la gara, precedendo due forti asfaltisti, Eddie Sciessere e Paolo Porro, divisi tra loro da 6”2. Sfortunato Corrado Fontana, subito fermo per rottura di un manicotto, mentre tra le Suzuki, Pellé precede Peloso e Cogni, rimescolando le carte al vertice del monomarca giapponese.

clerici auto

loghini1

loghini2